Meditate gente, meditate

 

Di recente mi sono imbattuto in un articolo sul training autogeno, questa tecnica di rilassamento per il benessere psico-fisico. L'articolo procedeva in maniera noiosa dilungandosi sulle varie tecniche ed esercizi da eseguire per ottenere la diminuzione dello stress e un completo stato di quiete mentale e fisica. Stavo per girare pagina quando ecco che il mio occhio cade sul paragrafo finale: controindicazioni. Che strano, penso, una tecnica mentale che dovrebbe mirare esclusivamente al benessere della persona è controindicata in alcune situazioni. L'articolo spiega che il training autogeno è sconsigliato per persone con gravi disturbi psichici o ritardi mentali. Che genio l'autore, penso, deve aver praticato tantissimo training. Poi prosegue e dice che non è indicato per le persone svogliate perchè non applicherebbero bene gli esercizi. Allora cerco il nome dell'autore per vedere se abbia vinto un premio nobel in campo medico o altro. Con mia sorpresa non trovo nulla. Scorro veloce le altre povere persone che non possono fare training autogeno e noto con sorpresa che neppure chi soffre di emorroidi può ricorrere a questa tecnica. Cioè, un povero stressato che caga a fatica e desidera riacquistare uno stato di benessere senza prendere degli psicofarmaci non può fare gli esercizi mentali di training autogeno.Perchè? Perchè secondo l'autore, con questi esercizi scaldi parti del tuo corpo. Siccome chi soffre di emorroidi dovrebbe evitare il calore nel culo, se facendo training ti sbagli e scaldi il tuo sedere combini un macello e inizi a pisciare sangue dall'ano.  L'autore però, dall'alto della sua magnificenza ha studiato un tecnica che permette anche al povero malato di emorroidi di sopperire a questo inconveniente. Ha studiato una formula da ripetere costantemente per evitare di peggiorare la situazione. E qui arriva la pensata che distingue i geni dai comuni mortali; cito testuali parole:in questo caso è allora opportuno, nel corso del secondo esercizio, introdurre la formula aggiuntiva "il mio ano è freddo".

Condividi

share on facebook share on twitter